Home   Flora   Fauna   Escursioni   Foto & Video   Bacheca   Avola   Consigli Utili   Come Eravamo   Storia & Leggenda    
 
 
 



Anche su Facebook

 

Vedi la mappa su
 

 


Prisa - Timpa ca Tona

 

In questo itinerario l'escursionista ha la possibilità di scoprire ed ammirare un posto alquanto suggestivo, poco conosciuto e che non ha nulla da invidiare ai famosi Laghetti: "Timpa ca tona" (traduz. Pietra echeggiante). Il paesaggio si presenta in tutto il suo splendore: un vasto pianoro roccioso, un bel laghetto d'acqua verde cristallina, conosciuta con toponimo "uruvu tunnu" (Laghetto rotondo), una vegetazione lussureggiante, e una specie di libellule fra le più belle e colorate d'Italia, che in questo posto sembrano abbiano impiantato il loro regno, da ammirare mentre planano tra un oleandro e l'altro. In seguito all'incendio di vaste proporzioni verificatosi il 25 giugno del 2014 che ha distrutto moltissimi  ettari di vegetazione rendendo i sentieri poco sicuri,  l'Azienda Foreste Demaniali, in qualità di gestore della Riserva Naturale, ha ritenuto opportuno, per garantire l'incolumità dei suoi fruitori , chiudere i sentieri interessati direttamente o indirettamente dall'incendio: Scala Cruci, Scala di Mastra Ronna e Sentiero di Mezza Costa nel tratto da Carrubella alla Vasca di raccolta dell'ENEL.
L'unico sentiero ufficialmente fruibile è il sentiero natura "Prisa-Carrubella", o semplicemente Carrubella. I migliaia di turisti, ignari dell'ordinanza della Forestale, che quotidianamente si recano alla riserva trovano giustamente chiuso l'accesso al sentiero principale (Scala Cruci), ma il più delle volte nessuno li avverte  dell'esistenza del sentiero sopramenzionato e aperto al pubblico: il sentiero Carrubella appunto.
Con la realizzazione di questa pagina nell'interesse della riserva stessa e dell'immagine complessiva del territorio noi come associazione naturalistica, denominata appunto "Cavagrande del Cassibile, vogliamo nel nostro piccolo andare a colmare le gravi lacune che spesso scoraggiano i turisti nel visitare le bellezze presenti nel sud-est della Sicilia.
 
 
Come raggiungere il sentiero Carrubella
Giunti ad Avola, provincia di Siracusa, prendere la strada provinciale n.4 Avola-Manghisi seguendo le indicazioni per Cavagrande del Cassibile (laghetti). Per circa 10 km il percorso si snoda tra tornanti che si inerpicano nelle colline di Avola Antica. Una volta scollinati, oltrepassato un residence di villette, dopo circa 3 km si giunge al bivio che porta al sentiero principale, vale a dire Scala Cruci. Al bivio anziché svoltare a destra, perché si arriverebbe solamente al sentiero principale chiuso, proseguire dritto sempre nella strada provinciale per altri 1300 metri circa svoltando quindi a destra in corrispondenza del ben visibile cartello turistico (vedi foto qui di seguito).
 
<
 

Una stradina sterrata ci conduce nei pressi dell'inizio del percorso trekking. Se siete fortunati troverete qualche parcheggio pubblico libero (ce ne sono veramente pochi) altrimenti potete parcheggiare in un parcheggio a pagamento gestito da un privato.

 

Il percorso trekking
Lasciata l'auto si prosegue sempre verso l'entroterra passando davanti ad una fattoria,  poco più avanti arriviamo ad un bivio: sulla destra notiamo un cartello e un capanno in legno, il capanno di accoglienza della forestale.

 
<
 

Chi vuole fare un giro breve del sentiero Carrubella andrà a destra scendendo gradualmente nel canyon. Chi, invece vuole fare il giro completo del sentiero, al bivio, proseguirà dritto per altri 5-600 metri; in fondo un cancelletto in legno e un cartello ci segnala che siamo all'inizio della discesa nel canyon. Una scalinata intagliata nella roccia ci permetterà in poche centinaia di metri di giungere al livello del fiume, proprio nel punto in cui all'inizio del secolo scorso fu realizzata la diga che convogliava parte dell'acqua del fiume in un acquedotto che azionava le turbine di una centrale idroelettrica posta a valle nella parte terminale del canyon.
Il sentiero si snoda sempre alla destra del fiume passando in suggestivi paesaggi per buona parte all'ombra di lecci, salici, roverelle, biancospini, peri selvatici, oleandri, platani orientali oltre a una fittissima e rigogliosissima vegetazione ripariale. Godetevi questo tratto e non abbiate fretta di arrivare al laghetto, soprattutto voi che amate la natura e non siete venuti solo per fare il bagno nelle freschi acque del Cassibile.
Dopo circa 15-20-25 minuti di cammino arrivate ad un bivio: a destra inizia la lunga uscita dal canyon per cui andremo a sinistra verso una sorgente e l'"Uruvu tunnu". Pochi metri e si apre davanti a noi uno scenario unico, il regno delle coloratissime libellule, un vasto pianoro roccioso dove sono incastonati le "marmitte dei giganti", una delle quali è proprio l'Uruvu tunnu, vale a dire il laghetto rotondo dove è d'obbligo un rinfrescante e rigenerante bagno.
Nel momento in cui deciderete di tornare alle macchine tornate al bivio e proseguite salendo nel sentiero che gradualmente vi porterà verso l'uscita, verso il capanno della forestale posto al bivio di cui vi parlavamo prima. Come precedentemente detto, teoricamente chi vuole solo raggiungere il laghetto, anziché fare il giro largo passando dalla diga e dai boschi, può scendere nel canyon direttamente da qui e risalire dalla stessa strada.

Consigli utili
1° indossare scarpe da trekking o da tennis (ATTENZIONE NON POTETE ENTRARE CON SCARPE APERTE);
2° il sentiero è fruibile dalle ore 8,00 alle ore 19,00;
3° portare acqua da bere (e, perché no, sali minerali);
4° è vietato introdurre cani anche se al guinzaglio o altri animali domestici (art. 2 lett. n del regolamento);
5° percorso sconsigliato a individui con problemi d'asma, respiratori, cardiaci, d'allergia e donne in gravidanza;
6° in caso di pioggia la riserva rimane chiusa 2-3 giorni circa;
7° nella riserva non c’è rete di telefonia mobile (i cellulari non prendono);
8° si consiglia di scendere nelle ore più fresce (fino alle 9,00) e risalire dopo le 17,00;

 Numero di telefono dell'ente gestore: 0931 67450.
 Per quanto non specificato si rimanda al regolamento della riserva.

clicca qui o sulla foto per vedere l'animazione sul sentiero.

Assicurazioni

Veni Veni

Corso Garibaldi 57 Avola (SR)


Il posto ideale per una vacanza rilassante nella Sicilia sud-orientale.
clicca qui


A Carlentini...

Antica Merceria dal 1972

Via Gramsci 35 (Santuzzi)
clicca qui




 
    Contatori visite gratuiti  

 
Copyright © 2011 - tutti i diritti riservati - Riserva Naturale Orientata Cavagrande del Cassibile 2011 - 2018 - Italy - email: info@cavagrandedelcassibile.it

L'intento è quello di fornire un'informazione aggiornata e precisa. Il sito compie ogni ragionevole sforzo per assicurare che i materiali ed i contenuti pubblicati siano attentamente vagliati ed analizzati, siano elaborati con la massima cura e tempestivamente aggiornati. Tuttavia errori, inesattezze ed omissioni sono possibili. Si declina, pertanto, qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti nel Sito. Qualora dovessero essere segnalati degli errori, si provvederà a correggerli.

Si invita in ogni caso a contattare l'Ente Gestore della Riserva al numero 0931 67450

Salvo Bianca Sicily